Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Pneumobase.it

Dexmedetomidina per la prevenzione del delirio nei pazienti anziani dopo chirurgia non-cardiaca


Nei pazienti di età superiore a 65 anni nel reparto di terapia intensiva dopo chirurgia non-cardiaca, Dexmedetomidina ( Dexdor ) profilattica a basse dosi riduce significativamente la comparsa di delirio nei primi 7 giorni dopo l'intervento.

Il delirio è una complicanza post-operatoria che si verifica frequentemente nei pazienti di età superiore a 65 anni, e presagisce esiti avversi.

Si è studiato se la Dexmedetomidina profilattica a basso dosaggio, un agonista altamente selettivo degli alfa-2 adrenocettori, possa diminuire l'incidenza del delirio nei pazienti anziani dopo chirurgia non-cardiaca.

È stato effettuato uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo in due ospedali a Pechino, Cina.
Sono stati arruolati pazienti di età a partire da 65 anni, che sono stati ammessi all’Unità di terapia intensiva dopo intervento chirurgico non-cardiaco.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Dexmedetomidina per via endovenosa ( 0.1 mcg/kg per ora, dal ricovero in terapia intensiva il giorno dell'intervento fino alle ore 8 del giorno 1 postoperatorio ), oppure placebo ( soluzione fisiologica endovenosa ).

L'endpoint primario era l'incidenza di delirio, valutata due volte al giorno mediante la scala CAM ( Confusion Assessment Method ) per le Unità di cura intensiva durante i primi 7 giorni postoperatori.

Le analisi sono state fatte nelle popolazioni intention-to-treat e di sicurezza.

Tra il 2011 e il 2013, su 2.016 pazienti valutati, 700 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo ( n=350 ) oppure Dexmedetomidina ( n=350 ).

L'incidenza di delirio postoperatorio è risultata significativamente inferiore nel gruppo Dexmedetomidina ( 32 su 350 pazienti, 9% ) rispetto al gruppo placebo ( 79 su 350 pazienti, 23%; odds ratio, OR=0.35; P minore di 0.0001 ).

Per quanto riguarda la sicurezza, l'incidenza dell'ipertensione è stata più alta con il placebo ( 62 su 350 pazienti, 18% ) che con Dexmedetomidina ( 34 su 350 pazienti, 10%; P=0.002 ).

La tachicardia è stata maggiore nei pazienti trattati con placebo ( 48 su 350 pazienti, 14% ) rispetto ai pazienti trattati con Dexmedetomidina ( 23 su 350 pazienti, 7%; P=0.002 ).

Il verificarsi di ipotensione e bradicardia non era differente tra i due gruppi.

Per i pazienti di età superiore a 65 anni ammessi al reparto di terapia intensiva dopo chirurgia non-cardiaca, basse dosi di Dexmedetomidina profilattica riducono significativamente la comparsa di delirio durante i primi 7 giorni dopo l'intervento.
La terapia si è dimostrata sicura. ( Xagena2016 )

Su X et al, Lancet 2016; 388: 1893-1902

Chiru2016 Psyche2016 Farma2016


Indietro