Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Le statine proteggono il cervello nel trauma cranico


Secondo uno studio compiuto da un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins, le statine, anche note come inibitori dell’HMG-CoA reduttasi, possono migliorare la sopravvivenza nei soggetti anziani che hanno subito un trauma cranico.
Si è visto che i pazienti anziani che stavano assumendo una statina al momento di un trauma cranico da moderato a grave hanno presentato una probabilità di morire in ospedale inferiore del 76% ( rischio relativo, RR=0.24 ).

Gli utilizzatori di statine hanno anche avuto il 13% in più di probabilità di avere un buon recupero funzionale a 12 mesi ( RR=1.13 ).

Dopo il danno da impatto diretto o di accelerazione e decelerazione del cervello, si verificano lesioni secondarie da processi infiammatori e immunitari. Gli effetti pleiotropici delle statine su infiammazione, trombosi e funzione endoteliale possono aiutare a prevenire il danno secondario, sebbene il loro ruolo primario nel ridurre il colesterolo abbia probabilmente un impatto limitato.

Studi su animali hanno suggerito un effetto protettivo, anche quando le statine sono state somministrate subito dopo il danno cerebrale.

I ricercatori della Johns Hopkins hanno esaminato i dati provenienti da 69 ospedali degli Stati Uniti.
Sono stati esclusi i casi di decesso entro le 24 ore di ospedalizzazione e i casi di ricoverati con pupille fisse e dilatate che indicano una probabile lesione a cui non è possibile sopravvivere e che le statine non sarebbero ragionevolmente in grado di influenzare.

La coorte è stata anche limitata alla fascia di età con più probabilità di assumere le statine.
Tra le 523 persone nella bancadati di 65 anni o più con trauma cranico e punteggio AIS ( Abbreviated Injury Score ) di almeno 3, l'uso delle statine al momento della lesione è stato registrato nel 22% dei casi.

Il decesso prima della dimissione si è verificato nel 9.1% degli utilizzatori di statine rispetto al 15.4% dei non-utilizzatori di questi farmaci ( P=0.047 ), un vantaggio che è rimasto significativo al 76% dopo aggiustamento per altri fattori.

A 3 mesi, gli utilizzatori di statine avevano una probabilità non-significativa del 23% in più di avere un buon recupero funzionale ( RR=0.77 ).
Sebbene il vantaggio del 13% a 12 mesi sia risultato statisticamente significativo nel complesso, non si è verificato tra gli utilizzatori di statine che avevano co-morbidità cardiovascolare ( RR=1.11 ).

Per la mortalità ospedaliera è emerso lo stesso modello, con un beneficio significativo solo tra i soggetti senza co-morbidità cardiovascolare ( RR=0.17 ).
Esiste il sospetto che le statine non possano fornire un beneficio alle vittime di trauma cranico con endotelio significativamente compromesso ( ad esempio, con malattie cardiovascolari ). ( Xagena2011 )

Fonte: Journal of Trauma, 2011


Cardio2011 Neuro2011 Farma2011


Indietro