Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Neurobase.it

Terapia aggiuntiva con glucocorticoidi nei pazienti con shock settico


Non è chiaro se l'Idrocortisone riduca la mortalità tra i pazienti con shock settico.
In uno studio, pazienti con shock settico sottoposti a ventilazione meccanica sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Idrocortisone alla dose di 200 mg al giorno oppure placebo per 7 giorni fino alla morte o alla dimissione dall'Unità di terapia intensiva ( ICU ), a seconda di quale evento si verificasse per primo.

L'esito primario era la morte per qualsiasi causa a 90 giorni.

Dal 2013 al 2017, in totale 3.800 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione. Lo stato rispetto all’esito primario è stato accertato in 3.658 pazienti ( 1.832 dei quali erano stati assegnati al gruppo Idrocortisone e 1.826 al gruppo placebo ).

A 90 giorni, 511 pazienti ( 27.9% ) nel gruppo trattato con Idrocortisone e 526 ( 28.8% ) nel gruppo placebo erano deceduti ( odds ratio, OR=0.95, P=0.50 ).

L'effetto del regime di studio è stato simile in 6 sottogruppi pre-specificati. I pazienti a cui era stato assegnato Idrocortisone hanno avuto una risoluzione dello shock più rapida di quelli assegnati al gruppo placebo ( durata mediana, 3 giorni vs 4 giorni; hazard ratio, HR=1.32; P minore di 0.001 ).

I pazienti nel gruppo trattato con Idrocortisone hanno avuto una durata più breve dell'episodio iniziale di ventilazione meccanica rispetto a quelli nel gruppo placebo ( mediana, 6 giorni vs 7 giorni; HR=1.13; P minore di 0.001 ), ma tenendo conto degli episodi di ricorrenza della ventilazione, non vi sono state differenze significative nel numero di giorni in vita e privi di ventilazione meccanica.

Meno pazienti nel gruppo trattato con Idrocortisone rispetto al gruppo placebo hanno ricevuto una trasfusione di sangue ( 37.0% vs 41.7%, OR=0.82; P=0.004 ).

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi rispetto alla mortalità a 28 giorni, il tasso di recidiva dello shock, il numero di giorni in vita e fuori dalla terapia intensiva, il numero di giorni in vita e fuori dall'ospedale, il tasso di terapia sostitutiva del rene, e l’incidenza di batteriemia o fungemia di nuova insorgenza.

Tra i pazienti con shock settico sottoposti a ventilazione meccanica, una infusione continua di Idrocortisone non ha determinato una mortalità a 90 giorni inferiore rispetto al placebo. ( Xagena2018 )

Venkatesh B et al, N Engl J Med 2018; 378: 797-808

Med2018 Farma2018


Indietro