Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Vertigini
Xagena Newsletter

Effetto di Canakinumab sulla sopravvivenza senza ventilazione meccanica invasiva in pazienti ricoverati con forma grave di COVID-19


Sono necessari trattamenti efficaci per i pazienti con COVID-19 grave.
È stata valutata l'efficacia di Canakinumab ( Ilaris ), un anticorpo anti-interleuchina-1beta, in pazienti ospedalizzati con forma grave di COVID-19.

È stato condotto uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in 39 ospedali in Europa e negli Stati Uniti.
Tra il 30 aprile e il 17 agosto 2020 sono stati arruolati in totale 454 pazienti ospedalizzati con polmonite COVID-19, ipossia ( che non richiedeva ventilazione meccanica invasiva ) e iperinfiammazione sistemica definita da un aumento delle concentrazioni ematiche di proteina C reattiva o ferritina, con l'ultima valutazione dell'endpoint primario il 22 settembre 2020.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una singola infusione endovenosa di Canakinumab ( 450 mg per peso corporeo di 40 kg fino a peso inferiore a 60 kg, 600 mg per 60-80 kg e 750 mg per peso superiore a 80 kg; n=227 ) oppure placebo ( n=227 ).

L'esito primario era la sopravvivenza senza ventilazione meccanica invasiva dal giorno 3 al giorno 29.
Gli esiti secondari erano la mortalità correlata al COVID-19, le misurazioni dei biomarcatori dell'iperinfiammazione sistemica e le valutazioni di sicurezza.

Tra i 454 pazienti randomizzati ( età media 59 anni; 187 donne, 41.2% ), 417 ( 91.9% ) hanno completato il giorno 29 dello studio. Tra i giorni 3 e 29, 198 su 223 pazienti ( 88.8% ) sono sopravvissuti senza richiedere ventilazione meccanica invasiva nel gruppo Canakinumab e 191 su 223 ( 85.7% ) nel gruppo placebo, con una differenza di tasso del 3.1% e un odds ratio ( OR ) di 1.39 ( P=0.29 ).

La mortalità correlata a COVID-19 si è verificata in 11 pazienti su 223 ( 4.9% ) nel gruppo Canakinumab rispetto a 16 su 222 ( 7.2% ) nel gruppo placebo, con una differenza di tasso del -2.3% e un odds ratio di 0.67.

Eventi avversi gravi sono stati osservati in 36 pazienti su 225 ( 16% ) trattati con Canakinumab rispetto a 46 su 223 ( 20.6% ) trattati con placebo.

Tra i pazienti ricoverati con forma grave di COVID-19, il trattamento con Canakinumab, rispetto al placebo, non ha aumentato significativamente la probabilità di sopravvivenza senza ventilazione meccanica invasiva al giorno 29. ( Xagena2021 )

Caricchio R et al, JAMA 2021; 326: 230-239

Inf2021 Pneumo2021 Farma2021


Indietro